Il Festival

XIV edizione Festival del cortometraggio “Corto e Cultura Film Festival nelle Mura di Manfredonia”, quando il Cinema sposa il Territorio, del 2021.

 

Media partner:

Il quattordicesimo Festival del Cortometraggio “Corto e Cultura Film Festival nelle Mura di Manfredonia”, anche quest’anno 2020 con spirito collaborativo di un collaudato gruppo di associati e l’ineccepibile dedizione partecipativa di energie da parte di tecnici e giurati sono come in un grosso cantiere ognuno impegnato nel proprio ruolo ed incarico per portar a termine la realizzazione del più bel building da presentare dal 28 al 31 luglio. Mentre gli addetti alla logistica sono nel pieno del work in progress, non da meno i giurati sono già pronti a presentare la lista dei corti finalisti in concorso.

Dall’altro fronte operativo , in stretta simbiosi letterati, giornalisti e sceneggiatori dopo un’accurata lettura, studio e difficile selezione hanno prontamente stilato una lista di sceneggiature finaliste in concorso per il “Premio per sceneggiature”.

A questo punto non resta che augurare a tutti i concorrenti e a tutto lo staff un grosso “in bocca al lupo” diversamente per gli affezionati e non della cultura cineasta, un invito a partecipare alle quattro serate in programma, sotto l’impeccabile direzione artistica di Anna Rita Caracciolo.

CONCORSO XIV EDIZIONE “CORTO E CULTURA FILM FESTIVAL NELLE MURA DI MANFREDONIA”

Sezione cortometraggi finalisti in concorso

I registi dei cortometraggi vincitori al concorso saranno contattati dagli organizzatori.

Titolo: LA NAPOLI DI MIO PADRE

Durata:  20 min.

Anno di produzione: 2020

Regia: Alessia Bottone

SINOSSI

Giuseppe guardava l’orizzonte come si osserva un desiderio, come qualcosa da raggiungere per cercare di essere libero. Fin da bambina sua figlia Alessia, la regista, lo vedeva spesso affacciarsi alla finestra, domandandosi cosa fosse in grado di attirare la sua attenzione in modo così intenso. Diversi anni dopo, durante un viaggio di ritorno a Napoli, città natale del padre, Alessia si ritrova a osservare nuovamente il padre. Anche questa volta Giuseppe è sempre di profilo e, mentre il paesaggio scorre incorniciato nel finestrino di un treno, il suo sguardo cerca di catturare ogni momento, per fermare quegli attimi e salvarli dallo scorrere veloce del tempo.

 

Titolo: Atto riflesso

Durata:  15 min.

Anno di produzione: 2020

Regia: Alfonso Diaz

SINOSSI

Conchi diventa accidentalmente al centro dell’attenzione a causa del suo strano comportamento. Le sue azioni sono il riflesso di ciò che stava accadendo.

 

Titolo: Have sweet dreams

Durata:  20 min.

Anno di produzione: 2014

Regia: Suhar Ciprian

SINOSSI

In una modesta famiglia, dove la complicata lotta per la sopravvivenza è condizionata dalla debolezza degli adulti, due fratelli (Ionuƫ e Petrică) cercano di sostenere i loro sogni. Alla luce di una nuova situazione di disagio, il flusso complicato della vita quotidiana viene interrotto dai due fratelli e il loro cammino diventa fuga.

 

Titolo: Distanza zero

Durata:  7 min.

Anno di produzione: 2021

Regia: Pier Glionna

SINOSSI

“Distanza zero” è la storia di Dario, interpretato magistralmente da Diego Graneri, un ventenne rider di un food delivery e della sua vita, scandita da ritmi di lavoro massacranti in condizioni precarie, illuminata da un incontro casuale, con la speranza di un futuro migliore.

 

Titolo: Faula

Durata:  14 min.

Anno di produzione: 2019

Regia: Massimiliano Nocco

SINOSSI

Massimino è figlio di un pastore sardo; per non andare a pascolare le pecore decide di raccontare ai suoi genitori una bugia che nel tempo diventerà una leggenda locale.

 

Titolo: Pescado

Durata:  10 min. 

Anno di produzione: 2020

Regia: Davide Caracciolo

SINOSSI

Un uomo, su una spiaggia deserta, si accorge che il tempo è un elemento relativo e che una linea irrazionale spingerà la sua coscienza ad accettare l’inevitabile.

 

Titolo: Una vacanza lontano da te

Durata: 8  min.

Anno di produzione: 2021

Regia: Antonio Troiano

SINOSSI

E’ la storia della violenza sulla propria moglie, di un ricco imprenditore marito padrone, trattata come un oggetto di proprietà, così come è abituato a comportarsi con i propri dipendenti, ma il destino offre alla donna una rivalsa che capovolgerà i ruoli della coppia.

 

Titolo: Le cose che amiamo

Durata:  12 min.

Anno di produzione: 2019

Regia: Flavio Ricci

SINOSSI

Ad un ragazzo indisciplinato viene impartita una punizione particolare: riordinare e catalogare le videocassette della Mediateca scolastica. Scena dopo scena, frammento dopo frammento, grazie al cinema imparerà a conoscere meglio se stesso ed i propri sentimenti e a ricostruire il filo di un legame solo apparentemente spezzato.

 

Titolo: Ricordi in bianco e nero

Durata:  3 min. 56 sec. 

Anno di produzione: 2019

Regia: Allievi dell’Accademia Vesuviana del Teatro e Cinema

SINOSSI

Il film è tratto dall’omonimo libro, scritto dalla giornalista scrittrice, Gemma Tisci e pubblicato nel 2014. La trama presenta un momento di riflessione del boss Raffaele Cutolo capo indiscusso e fondatore della NCO in auge nel ventennio. 1970/80, con ripercussioni fino alla metà degli anni ’90. Cutolo oramai consapevole di essere uscito perdente oltre che nel suo vissuto di uomo, anche nella figura di Boss. Dopo una lunga guerra sanguinosa, non è riuscito a mettere a punto i suoi progetti di potere criminale.

 

Titolo: So’ vivo!

Durata:  8 min. 54 sec.

Anno di produzione: 2019

Regia: Flavio Ricci

SINOSSI

A San Giovanni a Teduccio, periferia di Napoli, il mare c’è. “Ma dove sta? Come ci si arriva?”. Se lo chiede Gennaro, un ragazzo non udente, dopo averlo sognato. Lui il mare non può sentirlo ma vorrebbe almeno vederlo. Girovaga quindi per la scuola incrociando alcune ragazze, prese da discussioni quotidiane. Nessuna riesce a capirlo, tranne Maria, timida e isolata. Il mare è il bello a cui questi ragazzi senza voce anelano, la pace che meriterebbero. Gennaro, nella sua isolata purezza, riuscirà a godersi questa bellezza e a gridare nei suoi pensieri: “So’ vivo!”.

 

Titolo: senSazioni

Durata:  15 min.

Anno di produzione: 2018

Regia: Flavio Ricci

SINOSSI

Dei bambini imparano a conoscere e riconoscere attraverso i cinque sensi la propria città. Attraverso dei giochi sui cinque sensi i bambini raccontano le immagini generate dagli stimoli forniti. Condotti nelle strade di Ottaviano, poi, hanno imparato a osservare il mondo con più attenzione proprio attraverso i sensi, a costruire ricordi, a raccontare storie.

 

Titolo: L’angelo

Durata:  10 min.

Anno di produzione: 2014

Regia: Roberto Di Vito

SINOSSI

Tra le “gelide” strade notturne, di una città, avanza un camion con due incappucciati. Sono netturbini notturni e un senso di umanità li accomuna. Lavorano tra la spazzatura… eppure tra le discariche più sporche e infime uno di loro sta per diventare un Angelo.

 

Titolo: Bernardino di Luino

Durata: 10 min. 

Anno di produzione: 2020

Regia: Diego Monfredini

SINOSSI

Un falso documentario ispirato a “Il piatto piange” di Piero Chiara, in cui lo spirito della provincia, sospeso tra impossibilità di partire e impossibilità di restare, affronta il dramma di quando erano gli italiani ad emigrare.

 

 

Titolo: Vita o morte

Durata: 7 min. 32 sec. 

Anno di produzione: 2020

Regia: Silvestro Marino

SINOSSI

Questa storia ha per oggetto una persona che ha avuto tutto dalla vita. Quando decide di abbandonarla, incontra un barbone che con le sue semplici e sagge considerazioni lo induce a riflettere.

 

 

 

SEZIONE SCENEGGIATURE 

Finalisti sezione sceneggiature:

- “Il pescatore” di Manuela Boccanera

- “La forza dei ricordi” di Daniele Marasco

-”Oltre la trincea” di Federica Clementi

-”Dio, Atu e quello che ne rimane” di Gabriele Genovese

-”Angelo”, di Stefano Rovetto